32.5 C
Palma Campania
lunedì, Giugno 21, 2021

Home Economia La Fiammante contro il Caporalato: Francesco Franzese ospite di 'Presa Diretta' su...

La Fiammante contro il Caporalato: Francesco Franzese ospite di ‘Presa Diretta’ su Rai 3

Il programma Rai – Presa Diretta – ospita questa sera il giovane imprenditore palmese Francesco Franzese, CEO ICAB La Fiammante, industria conserviera leader nel suo settore. Le telecamere di Rai 3, in questi giorni, hanno fatto vista alla zona industriale di Buccino, dove l’azienda palmese concentra il suo quartier generale.

La puntata di questa sera, in onda dalle 21:20 sul terzo canale Rai, affronterà la questione legata alle ‘Aste a doppio ribasso’, creando un meccanismo di concorrenza sleale che ha fortemente penalizzato il settore agroalimentare nell’ambito della grande distribuzione.

Difatti, questa pratica porta le industrie ad abbassare il prezzo di produzione che si ripercuote poi sugli imprenditori agricoli che, a loro volta, creano le condizioni di sfruttamento della manodopera nei campi.

Presente in studio anche il ministro delle Politiche Agricole Alimentari, Teresa Bellanova. Franzese, fin dal 2017, insieme all’associazione ‘Terra!’, s’è fatto portavoce di una vera e propria crociata contro il fenomeno del caporalato.

La proposta di un testo di legge, al momento, giace in sede di Commissione alla Camera dei Deputati senza completare l’iter procedurale per rendere effettiva la prospettiva che vieta le aste a doppio ribasso nell’acquisto di prodotti alimentari.

Intanto, per far sì che la situazione si smuova e si cerchino soluzioni, La Fiammante di Franzese ha mosso i suoi passi, siglando – per questo 2020 – un accordo sul prezzo del pomodoro con gli agricoltori della filiera corta.

In una nota ufficiale di qualche mese fa, Franzese precisò: “È ormai da quasi 10 anni che prosegue la nostra rivoluzione per la trasparenza di filiera, contro ogni sfruttamento del lavoro nei campi. Una rivoluzione basata sul giusto prezzo delle materie prime, concordato con gli agricoltori, sulla responsabilità reciproca e, soprattutto, su relazioni autentiche di prossimità”.

Anche nel 2020 la filiera La Fiammante si è dunque confermata un modello per l’intero settore, nella battaglia a tutela del lavoro e della salubrità delle coltivazioni, in ragione del sostegno costante ai produttori (con anticipi per gli investimenti necessari alla conduzione delle coltivazioni) e a rigorosi disciplinari di produzione per risparmiare acqua e limitare al massimo i trattamenti necessari a garantire il raccolto.

“La rigida programmazione dei trapianti e l’impegno operoso di tutti – conclude Franzese – permettono all’azienda di lavorare entro poche ore dalla raccolta, a ciclo continuo, pomodori freschi di alta qualità, ottimizzando così i costi di produzione e garantendo al consumatore conserve sempre fragranti a costi accessibili. Una filiera virtuosa, una scommessa vinta, a vantaggio di tutti e della qualità”.

- Advertisment -

POPOLARI

A Pompei una Festa della Musica senza confini

A Pompei una Festa della Musica senza confini

Palma Campania, cane abbandonato e ingabbiato: salvato dai Carabinieri

Palma Campania, cane abbandonato e ingabbiato: salvato dai Carabinieri

Pompei, l’alba del solstizio d’estate al Parco Archeologico

Pompei, l'alba del solstizio d'estate al Parco Archeologico

C’era una volta il Festivalbar

C'era una volta il Festivalbar