28.2 C
Palma Campania
lunedì, Giugno 21, 2021

Home In primo piano Napoli ok in Europa League: Politano 'mata' la Real Sociedad

Napoli ok in Europa League: Politano ‘mata’ la Real Sociedad

Riscattare l’inopinato passo falso interno contro l’Az nella gara di esordio e tenere aperta la porta della qualificazione. Erano questi gli obiettivi del Napoli alla vigilia di quella che si presentava come la partita più difficile del girone contro la compagine basca della Real Sociedad.

Gli azzurri portano a casa l’intera posta in palio rimettendo a posto una classifica che rischiava di diventare preoccupante dopo sole due partite. Gattuso fa ampio ricorso al turnover, pur non utilizzando i due reduci dal Covid, Zielinski ed Elmas, mettendo la museruola, con un atteggiamento guardingo ma mai rinunciatario, ai temibili avversari. Demme affianca Bakayoko in mediana, Lobotka avanza sulla trequarti alle spalle di Petagna, con Politano ed Insigne larghi. Al centro della difesa spazio a Maksimovic, mentre in porta rientra Ospina.

La Real Sociedad si conferma avversario difficile, il cui palleggio ha a lungo fatto girare a vuoto il Napoli, che ha però avuto il merito di non lasciarsi irritare dal fraseggio dei padroni di casa, non perdendo mai quella compattezza su cui Gattuso ha preparato la partita.

Anzi, nella primissima fase, brillano due limpidissime occasioni per il Napoli, molto simili nella dinamica, ma non sfruttate da insigne prima e Mario Rui poi. I padroni di casa, pur mantenendo il pallino del gioco, costruiscono una sola, grande occasione, con Merino, che di testa, da ottima posizione, spedisce alto.

Il meglio arriva nella ripresa. Politano, con una stilettata dalla distanza deviata da un difensore, beffa il portiere basco portando avanti gli azzurri. La reazione dei locali non si fa attendere e solo un grande Ospina tiene il Napoli in vantaggio.

In realtà, nonostante gli sforzi, la pressione spagnola stenta a mantenere quella consistenza mostrata appena subito il gol. La difesa del Napoli stringe i denti e resiste senza patire oltre il dovuto gli assalti dei padroni di casa, mai in grado di costruire altre azioni pericolose. Ospina non deve compiere altri interventi e l’unico sussulto è data dall’ingenua espulsione, per doppia ammonizione di Osimhen nel finale.

Fortunatamente per il Napoli, l’inferiorità numerica dura poco, il triplice fischio dell’arbitro inglese Pawson fa calare il sipario su un successo di vitale importanza per le speranze di qualificazione degli azzurri alla fase ad eliminazione diretta.

- Advertisment -

POPOLARI

A Pompei una Festa della Musica senza confini

A Pompei una Festa della Musica senza confini

Palma Campania, cane abbandonato e ingabbiato: salvato dai Carabinieri

Palma Campania, cane abbandonato e ingabbiato: salvato dai Carabinieri

Pompei, l’alba del solstizio d’estate al Parco Archeologico

Pompei, l'alba del solstizio d'estate al Parco Archeologico

C’era una volta il Festivalbar

C'era una volta il Festivalbar